sommario:

Archivio Fotografico Valdese

Il paesaggio

rorà
"Ci sono pochi luoghi che presentano maggiori attrattive per la vista e l'immaginazione di questi pittoreschi rifugi dei valdesi, che io sono stato indotto a visitare per una di quelle circostanze fortuite che talora generano eventi tra i più piacevoli della vita" scriveva nel 1823 nel libro Narrative of an excursion to the mountains of Piemont and researches among the Vaudois, or Waldenses (?) il rev. William S. Gilly, uno dei primi viaggiatori stranieri che non potè fare a meno di raccontare il paesaggio legandolo inscindibilmente alla popolazione che lo abitava e alla sua fede.
Le Valli sono state, nelle vicende storiche e nell'immaginario collettivo, un profilo di montagne che ha costituito per i valdesi confine e comunicazione, vita quotidiana e viaggio, campo di lavoro e luoghi storici, radici affondate nel terreno e rami da protendere lontano, verso i più vicini paesaggi italiani dell?evangelizzazione e quelli più lontani dell'emigrazione.
Le vedute delle Valli costituiscono uno dei soggetti favoriti di David Peyrot fin dall'inizio della sua attività di fotografo, come anche per l'amico Davide Bert, autore di una serie di riprese volte ad illustrarne i cambiamenti da area agricola a zona fortemente industrializzata negli anni tra la fine del XIX e l?inizio del XX secolo.
    • Orari archivio fotografico
    • martedi mercoledi, giovedì
      9:00 - 13:00 14:00 - 18:00

      Venerdi 9:00 - 13:00

      e-mail: archiviofotografico@fondazionevaldese.org 

  • Galleria immagini
    • David Peyrot, Angrogna: La Vaccera, 1880 ca.
    • David Bert, Luserna San Giovanni: veduta 1890 ca.
    • David Bert, Torre Pellice: il Forte, 1890 ca.
    • David Bert, Prali: borgate Pomieri e Giordano, 1891
  • itinerari