sommario:
menu navigazione

Sistema museale valdese

Museo scuola (Pramollo)


La scuola offre l’immagine molto eloquente e, per un certo aspetto, commovente, delle scuole quartierali di fine Ottocento. Vale a questo riguardo quanto detto per la scuola degli Odin di Angrogna a partire dall’arredo: banchi, cattedra, lavagna in legno, stufa. Alle pareti, alcuni pannelli illustrano il sistema scolastico della valle, mentre nelle vetrine sono raccolti oggetti d’epoca e materiali didattici: album fotografici, riviste per fanciulli, Bibbie, testi scolastici, lettere e programmi inerenti la vita scolastica, culturale e religiosa della comunità.

Origini del museo:
Il museo sorse nel 1989 nel quadro di un progetto elaborato in comune con la chiesa valdese di San Germano, due realtà fortemente legate nella geografia e nella storia, in vista di salvaguardare gli aspetti più significativi della cultura locale. A quello di Pramollo fu riservato il tema specifico dell’istruzione scolastica e religiosa dal 1800 all’inizio del 1900.
La sede venne individuata nella scuola Beckwith della borgata dei Plenc per la sua posizione centrale; le altre scuolette del comune di Pramollo e privati fornirono oggetti e documenti illustranti la realtà scolastica in valle: lampade, Bibbie, innari, banchi, tavolo del maestro, lavagna in legno. Molti oggetti vennero inoltre raccolti grazie all’interesse della comunità locale: quaderni, libri, fotografie.

ACCESSO E SERVIZI:Cartina Valli Chisone e Germanasca



Auto: è possibile parcheggiare in località Pellenchi.

Bus privati: mezzi lunghi fino a 10m transitano con difficoltà sulla strada e possono parcheggiare in località Ruata.
Treno e autobus pubblici: treno o autobusdi linea da Torino a Pinerolo, poi bus di linea per Perosa Argentina, solo fino a San Germano.

ACCESSO PER PERSONE A MOBILITA' RIDOTTA
No.

NUMERO LOCALI: 1

RISTORO E PERNOTTAMENTO
Possibilità di ristoro in loco (www.comune.pramollo.to.it)

APERTURA
Il museo è aperto solo su richiesta.

VISITA
L’ingresso è ad offerta per la visita autonoma.
Per visite guidate rivolgersi al Centro Culturale valdese ufficio "il barba"