sommario:

Sezione etnografica

Il ciclo di vita


Un lungo corridoio ospita il percorso tematico sul "ciclo di vita": i "riti di passaggio" che scandiscono la vita quotidiana all’interno di una comunità sono illustrati, con oggetti e fotografie. 

  • Dalla nascita all’infanzia: la nascita di un figlio o una figlia era un avvenimento che, in assenza di medici e levatrici, richiedeva l’aiuto di una donna anziana ed esperta. Il battesimo avveniva sempre nel tempio, durante la funzione domenicale. Era il momento in cui i genitori, il padrino e la madrina si impegnavano, di fronte alla comunità, a fornire al neonato un’educazione secondo l’insegnamento delle Sacre Scritture. Nella vetrina è esposto il corredo di una famiglia benestante. L’infanzia dei bambini di modesta condizione sociale era faticosa e la familiarità con il lavoro cominciava assai presto. A scandire fanciullezza e adolescenza erano anche la scuola e l’istruzione religiosa. I giocattoli esposti, seppur rustici e costruiti con materiali poveri, ci ricordano che c’era comunque un tempo per il gioco
  • Confermazione: il passaggio dall’infanzia all’età adulta per i valdesi avveniva al momento della confermazione. Ricevuta un’istruzione biblica, ragazzi e ragazze chiedevano di entrare a far parte della comunità, confermando il battesimo ricevuto da bambini e per la prima volta erano ammessi a partecipare alla Santa Cena (comunione con il pane e il vino in ricordo dell’ultima cena di Gesù Cristo)
  • Fidanzamento e nozze: era antica usanza, da parte del fidanzato, offrire alla promessa sposa piccoli oggetti in legno artisticamente lavorati con il solo coltello durante le veglie invernali. Tra quelli esposti: conocchie per filare, cofanetti da lavoro intagliati e dipinti, porta-specchio, porta-pettine.
  • Morte e usanze funebri: in montagna poteva capitare che l’impraticabilità delle strade a causa della neve rinviasse la sepoltura; anche per la necessità di conservare il defunto presso le abitazioni, le famiglie avevano sempre assi di pino necessarie per costruire una bara. Ad un breve servizio religioso in casa o nel cortile seguiva il trasporto a spalle della bara su lunghe pertiche fino al luogo della sepoltura. In altri casi erano usati una grande slitta o un carro trainato da un cavallo (qui esposti). Fino al 1848, il divieto per i valdesi di seppellire i loro morti nei cimiteri locali li obbligava a utilizzare luoghi appartati.
    • Orari museo di Torre Pellice
    • giovedi, sabato, domenica
      15:00 - 18:00
      Luglio e Agosto:
      tutti i giorni 16:00 - 19:00
      Chiusura annuale:
      Dicembre e Gennaio

    • ufficio visite guidate
    • Dal lunedi al venerdi
      9:00 - 12:30
  • itinerari